31 Mag 2019

Lettiera a prova di coniglio!

Una premessa è d’obbligo: non credo esista la soluzione perfetta. Ogni coniglio è un individuo con le sue peculiarità, le sue abitudini e preferenze, anche in termini di lettiera!

Credo però che possa essere utile e importante passare in rassegna alcune possibilità per la lettiera del coniglio.
Perché trovarsi a dover pulire di continuo feci e urine in giro per la casa metterebbe alla prova anche i conigliofili più incalliti!

Eliminazioni e marcature

Prima di tutto consideriamo che non sempre i conigli si abituano a sporcare solo in una zona dedicata, alcuni scelgono posti diversi e in questo caso è utile fornire più di una cassetta igienica.
Attenzione anche al raggiungimento della maturità sessuale a 4-5 mesi d’età nel maschio e 5-6 mesi nella femmina perché in questo caso sentono l’esigenza di marcare con feci e urine molto spesso e in numerosi luoghi: in queste situazioni è opportuno consultare il proprio medico veterinario di fiducia esperto nella medicina del coniglio per chiedere consigli.

I conigli possono marcare anche se sterilizzati in seguito a forti stress, trasferimenti, arrivo in casa di altri animali o persone sconosciute. Se ciò avviene è opportuno chiedere consiglio al proprio medico veterinario. Per capire come risolvere al meglio la situazione limitando il disagio del coniglio: le marcature infatti non sono “dispetti” ma segnali che qualcosa non va.

Che substrato utilizzare per la lettiera del coniglio ?

Occorre considerare che spesso la cassetta igienica viene usata anche come luogo per il riposo. Pertanto dobbiamo scegliere un substrato assorbente che consenta al coniglio di sdraiarsi comodamente e senza bagnarsi.

A questo scopo possono essere utili i tappetini assorbenti, facendo attenzione però che non vengano ingeriti.

Ottimi sono quelli contenenti carbone attivo, che esercitano un buon controllo dell’odore.

Si trovano in commercio anche lettiere granulari per conigli e altri animali ma anche in questo caso è importante verificare che non vengano mangiate.

Anche il pellet di legno compresso può essere d’aiuto. Ma lo considererei una seconda scelta perché non è comodo per il coniglio se vuole sdraiarsi e perché una volta bagnato tende a sgretolarsi imbrattando i piedi e il pelo.

 Va evitata del tutto invece:

  • Lettiera per gatti, troppo abrasiva per le superfici palmari e plantari dei conigli
  • Segatura, polverosa e con tendenza ad imbrattare il pelo. Se contiene frammenti molto piccoli può accadere che venga inalata, provocando problemi alle vie respiratorie

E come contenitore?

Si possono usare cassette igieniche per gatti, facendo attenzione che siano della grandezza adeguata alla taglia del coniglio, in modo che possa muoversi comodamente e che non abbiano il bordo troppo alto.

I conigli anziani potrebbero avere problemi ad entrare ed uscire se soffrono di dolori ossei e/o articolari, in questi casi è opportuno abbassare un pochino il bordo.

Ottime soluzioni possono essere anche bacinelle o contenitori da cucina, ingegnandosi per creare un’ingresso di dimensioni e altezza adeguate.

Alcuni conigli tendono ad urinare sui bordi, per questo è buona norma fissare i tappetini igienici in modo che ricoprano i bordi della cassetta e se serve si possono posizionare anche sotto per scongiurare “fuoriuscite”.

Esistono anche lettiere triangolari con un angolo posteriore più alto, in genere consigliate per i furetti, ma almeno per la mia esperienza sono troppo piccole per i conigli.

Qualche trucco

Per facilitare l’utilizzo della lettiera si possono posizionare al suo interno fieno, alcune porzioni di verdure gradite o giocattoli adatti, che possano attrarre i conigli ad entrare ed usare la cassetta.

Dopo le normali operazioni di pulizia è bene rimettere nella cassetta qualche pellet fecale (le classiche “palline” di feci).
I conigli sono molto territoriali e hanno bisogno di sentire il loro odore, altrimenti sono costretti a rimarcare subito abbondantemente.

Le urine del coniglio contengono in genere molto calcio che può precipitare e lasciare depositi, l’aceto in genere li elimina facilmente.
Anche il bicarbonato è una buona soluzione per pulire ed eliminare gli odori.

Facciamo attenzione

Se notiamo che i conigli con cui viviamo cambiano abitudini, facendo quantità di urina superiore o inferiore alla norma, o con aspetto differente, avvisiamo il nostro medico veterinario.
I problemi urinari non sono infrequenti e come al solito prima interveniamo nel modo corretto e più possibilità abbiamo di evitare gravi conseguenze.

Per saperne di più sul mondo dei conigli: Un coniglio per amico

Articoli correlati

Cosa mangia il Riccio africano?

Cosa mangia il Riccio africano?

Il riccio africano è un piccolo mammifero entrato a far parte di recente del novero degli animali definiti “da compagnia”, quelli che io preferisco chiamare "nuovi animali familiari".In natura abita le savane e le steppe africane, dove si muove in...

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più