27 Ago 2019

Perché i conigli mangiano le proprie feci?

Chi vive con un coniglio sa bene che si tratta di animali molto puliti, che dedicano molto tempo ogni giorno a “tenersi in ordine”, letteralmente dalle orecchie ai piedi!
Per quale motivo allora i conigli mangiano le proprie feci?

Quando si puliscono nella zona genitale può essere capitato di osservarli mangiare le proprie feci, cosa consideriamo tutto meno che igienica, eppure per i conigli è di grande importanza.
Quelle che mangiano in realtà non sono semplici feci, si chiamano ciecotrofi e come possiamo vedere dall’immagine qui sotto hanno l’aspetto di una mora e sono di consistenza più morbida e “appiccicosa” rispetto alle feci normali, di forma sferica e piuttosto asciutte.

ciecotrofo

Cos’è la coprofagia?

Per coprofagia si intende l’azione di mangiare feci.
Molti animali lo fanno per motivi diversi, per quanto riguarda il coniglio il motivo fondamentale è la salute.

Quello che mangiano infatti non sono in generale le feci, le palline secche e rotonde che producono in gran quantità per tutto il giorno.
Si tratta invece del ciecotrofo e per questo parliamo per il coniglio di coprofagia ma piuttosto di ciecotrofia.
Può sembrare la stessa cosa, invece il significato e lo scopo di questo comportamento è molto diverso.

Cosa sono i ciecotrofi?

Il ciecotrofo è un materiale fecale molto particolare, prodotto solo in alcuni momenti della giornata, soprattutto la mattina molto presto e a volte anche nel tardo pomeriggio.
I conigli sani, con un’alimentazione corretta, generalmente mangiano questo particolare tipo di feci nello stesso momento in cui le emettono e per questo di solito non le troviamo nella lettiera.

Vengono prodotti in una particolare porzione del lungo intestino degli erbivori, il cieco, in seguito alla fermentazione di una parte del cibo ingerito, quello in cui la fibra ha dimensioni inferiori al mezzo millimetro.

Perché è così importante che il coniglio mangi il ciecotrofo?

Perché si tratta di un materiale ricchissimo di sostanze nutrienti, in particolare proteine e vitamine.
Come quelle del gruppo B e la K, necessarie per mantenere un buono stato di salute.

Come possiamo capire se il ciecotrofo non viene consumato?

Si tratta di feci particolarmente appiccicose, pertanto se il coniglio non dovesse mangiarle appena emesse finirebbero per imbrattare le zampe e ce ne accorgeremmo, anche perché ha un odore particolarmente pungente a differenza delle feci normali.
Un altro modo è controllare quotidianamente la lettiera e il pavimento o la superficie sulla quale il coniglio è solito riposare: se ci sono solo feci sferiche e asciutte probabilmente il consumo del ciecotrofo avviene normalmente.

Se siamo nottambuli o ci alziamo molto presto il mattino potremmo riuscire a vedere il coniglio che insiste particolarmente nella pulizia della zona genitale, con tutta probabilità sta mangiando il ciecotrofo ed è normale che lo faccia.

Ai conigli va impedito di mangiare le proprie feci?

Assolutamente no!
Sappiamo ormai che si tratta di un comportamento del tutto normale e necessario per la salute.
Anzi, se li osserviamo mentre lo fanno non dobbiamo in alcun modo interromperli o disturbarli.

E se un coniglio non mangia il ciecotrofo?

In questo caso qualcosa che non va c’è.
Potrebbe trattarsi di un coniglio che ha messo su un po’ troppo peso e non riesce per questo ad assumere la posizione giusta per mangiare le feci direttamente.
Oppure potrebbe avere dolore scheletrico o articolare come in caso di artrosi.
Potrebbe anche trattarsi di un problema di peristalsi del tratto intestinale oppure c’è qualcosa da correggere dal punto di vista nutrizionale.
O, ancora, potrebbero esserci problemi di malocclusione dentale.

Tutti motivi per i quali una visita da parte di un medico veterinario esperto è caldamente consigliata!

Articoli correlati

Stomatite del gatto: approccio integrato alla cura

Stomatite del gatto: approccio integrato alla cura

La stomatite del gatto, o stomatite felina, è una condizione infiammatoria grave che colpisce la bocca dei gatti, portando a dolore intenso, difficoltà nell'assumere il cibo e, in assenza di trattamento, a complicazioni a lungo termine. Questo...

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più