24 Ago 2023

Il blocco intestinale del coniglio. Sintomi, cause e prevenzione.

Chi vive con un coniglio conosce bene l’espressione blocco intestinale, un’evenienza che fa spesso paura perché può insorgere rapidamente e aggravarsi in poco tempo.
Che cos’è il blocco intestinale del coniglio? Quali sono i sintomi? Cosa fare se il coniglio con cui viviamo smette all’improvviso di mangiare e di fare feci? Perché sono così frequenti e come possiamo fare per prevenirli?

Si tratta in tutti i casi di situazioni da non sottovalutare, che richiedono prima di tutto una diagnosi: potremmo infatti essere di fronte ad una stasi, oppure a costipazione, ad un’ostruzione intestinale o a patologie di altri organi e apparati, per questo la visita medico veterinaria è sempre importante!

Blocco intestinale del coniglio: i sintomi

Se all’improvviso il coniglio smette di mangiare, o mangia molto meno del solito, non ci corre incontro ma resta sdraiato in un angolo, non sta facendo feci o fa palline piccole e asciutte è probabile che ci sia una stasi gastrointestinale in corso.

A volte si fanno “la pipì addosso”e ci rimangono sdraiati sopra.
Può succedere che vadano a bere molta acqua.

In alcuni casi l’insorgenza è rapidissima. Smettono di mangiare e di bere, restano fermi, l’addome è dolente, spesso dilatato, digrignano rumorosamente i denti, la temperatura corporea si abbassa.

Si tratta sempre di situazioni da non sottovalutare, che richiedono prima di tutto una diagnosi: potremmo infatti essere di fronte ad una stasi, a costipazione, ad un’ostruzione intestinale o a patologie di altri organi e apparati che provocano come conseguenza anche il rallentamento della peristalsi.

Quello che è certo è che non possiamo non accorgerci che qualcosa non va, si comportano in modo molto diverso dal loro solito.

Si può prevenire il blocco intestinale?

Ci sono molti aspetti su cui possiamo concentrarci. Il primo e probabilmente quello più importante è una corretta alimentazione, fresca, varia, se possibile con cibi stagionali.
E soprattutto ricca di fibra e povera di calorie e di zuccheri.

Ma anche lo stile di vita è fondamentale, il movimento, le relazioni, il benessere psicologico ed emozionale.
Proprio come per noi!

Lo stress, in particolare se cronico, predispone a molte patologie e va evitato in ogni modo.

Un approccio alla cura sinergico e sostenibile può senza dubbio venirci in aiuto, per cercare di ridurre la frequenza dei blocchi intestinali, una delle cause più frequenti di malattia del coniglio.


Blocco intestinale del coniglio, il video

Articoli correlati

Le allergie nel cane. Una guida per comprenderle e gestirle.

Le allergie nel cane. Una guida per comprenderle e gestirle.

Le allergie nel cane sono un problema comune, anche se spesso sottovalutato, che può causare disagio e stress sia per l'animale che per i familiari. Questo articolo offre una panoramica completa sulle allergie canine, offrendo spunti per...

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

La PDD o Proventricolite dilatativa negli Psittacidi è una patologia complessa e multifattoriale. Scopriamo insieme di cosa si tratta, come può essere diagnosticata, quali sono i sintomi e soprattutto come può essere trattata con un approccio di...

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più