23 Nov 2023

Adottare un coniglio, un gesto di consapevolezza

Il coniglio è un animale sempre più amato, ormai considerato a tutti gli effetti un animale da compagnia (ma io preferisco definirlo animale familiare!).
Cosa dobbiamo conoscere in anticipo per adottare un coniglio in modo consapevole?
Cosa possiamo fare per rendere accogliente e sicuro anche per loro il nostro ambiente domestico?
Perché l’alimentazione giusta è così importante?

Adottare un coniglio, se fatto in modo consapevole, può essere l’inizio di una bellissima avventura.
L’importante è sapere fin da subito cosa fare e cosa non fare: il coniglio è molto diverso da cane e gatto, per questo è fondamentale non fare errori.
Gli animali preda, come i conigli, sono molto attenti a come ci muoviamo e a cosa facciamo!
Senza dimenticare il ruolo di una corretta alimentazione!

Cosa dobbiamo sapere prima di adottare un coniglio?

La prima cosa è rendersi conto che stiamo scelgliendo di adottare qualcuno!
Sembra banale, eppure non lo è se consideriamo quanti conigli vengono abbandonati ogni anno.
Nel migliore dei casi vengono consegnati ai volontari delle tante associazioni che si occupano di trovare loro nuove famiglie, nel peggiore lasciati per la strada al loro triste destino.

Ecco alcune delle cose che dobbiamo chiederci prima di compiere la scelta di adottare un coniglio:

  • Abbiamo già esperienza con questi animali oppure no?
  • Conosciamo i suoi bisogni di base?
  • Ci siamo informati sull’alimentazione corretta?
  • Abbiamo tempo e attenzione da dedicargli? Siamo la persona giusta in questo momento della nostra vita?

Conoscere per comprendere

I conigli sono animali molto diversi da cani e gatti.
Prima di tutto si tratta di prede e non di predatori: se teniamo in considerazione questa loro natura possiamo già renderci conto di alcune esigenze fondamentali.

Sentirsi al sicuro è fondamentale per loro, dobbiamo sempre assicurarci che abbiano a disposizione rifugi protetti, luoghi in cui possono nascondersi (anche da noi!) se ne sentono il bisogno.

Dobbiamo imparare a rispettarli: non amano essere presi in braccio e sollevati da terra, molto meglio metterci noi alla loro altezza e provare a guardare al mondo con i loro occhi.

E poi l’alimentazione: si tratta di erbivori stretti che hanno bisogno di alimenti poveri di calorie e ricchissimi di fibra, che in natura mangiano dal tramonto all’alba perché sono crepuscolari-notturni.
Per loro la dieta giusta fa davvero la differenza tra una vita lunga e in salute e una breve e di malessere (ne parlo anche qui).

Senza dimenticare che si tratta di animali sociali e non possono vivere da soli: le relazioni per loro (anche quelle che creano con noi) sono di vitale importanza!

Vuoi sapere di più sull’adozione consapevole del coniglio? Ne ho parlato in questo video.

Articoli correlati

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

La PDD o Proventricolite dilatativa negli Psittacidi è una patologia complessa e multifattoriale. Scopriamo insieme di cosa si tratta, come può essere diagnosticata, quali sono i sintomi e soprattutto come può essere trattata con un approccio di...

Adottare un furetto. Un gesto di consapevolezza.

Adottare un furetto. Un gesto di consapevolezza.

Il furetto è un piccolo mammifero, un mustelide carnivoro, che discende dalla puzzola europea.Si pensa che i primi ad iniziare la domesticazione di questa specie siano stati gli egiziani, poi greci e romani, per le eccellenti capacità...

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più