29 Nov 2023

Aiuto c’è un riccio in letargo!

Per il riccio europeo il letargo è una parte cruciale del ciclo di vita, come per molti altri animali.
Durante i mesi invernali infatti questi piccoli mammiferi entrano in uno stato di sonno profondo.
Per risparmiare energia e sopravvivere a condizioni meteorologiche avverse.

Attenzione a non svegliare un riccio, potremmo metterlo in pericolo. Ecco perché.

Riccio in letargo. Sta dormendo?

Letargo e sonno non sono la stessa cosa.
Il riccio in letargo abbassa il metabolismo in modo significativo e questo gli consente di sopravvivere per lunghi periodi senza cibo o acqua.
La temperatura corporea scende drasticamente e la frequenza cardiaca e la respirazione rallentano, per preservare l’energia necessaria.

Per prepararsi al letargo i ricci trascorrono la fine dell’estate e i l’inizio dell’autunno “ingrassando”, immagazzinano cioè riserve di grasso per sostenersi durante l’inverno. Durante il letargo, i ricci cercano luoghi sicuri e riparati per appallottolarsi e dormire.

Spesso scelgono aree appartate, cumuli di foglie o di rami, tane di altri animali, a volte anche tronchi cavi.

Non disturbare il riccio che dorme!

Per prepararsi al letargo, i ricci europei trascorrono la fine dell’estate e i mesi autunnali “ingrassando”.
Hanno bisogno di accumulare riserve di grasso per sostenersi durante l’inverno.
I ricci in letargo non vanno in alcun modo disturbati.
Possono svegliarsi brevemente per riposizionarsi o bere acqua ma questi periodi di veglia non durano più di una mezz’ora.

Può essere dannoso per loro essere svegliati all’improvviso, perché possono consumare preziose riserve energetiche, mettendo a repentaglio le loro possibilità di sopravvivere all’inverno.
Attenzione quindi ad evitare lavori non strettamente necessari nei giardini, resistiamo alla tentazione di spostare cumuli di rami sechi o di foglie!

E se qualcosa non va?

Un riccio in letargo ha una temperatura corporea compresa tra 35 e 37 gradi, se si abbassa troppo potrebbero andare in difficoltà.
Anche per questo vanno lasciati nella posizione che hanno scelto, coperti da rami o foglie.
In generale comunque un riccio in letargo è rilassato, non mostra segni di irrequietezza o agitazione.

Se un riccio rimane sveglio per un periodo prolungato o si sveglia troppo frequentemente, potrebbe essere indicativo di un problema che richiede attenzione.

Il peso scende gradualmente nel corso dell’inverno e questo è del tutto normale.
Se invece avviene un dimagrimento molto rapido ed eccessivo è possibile che ci sia qualcosa che non va.

In caso di dubbio la prima cosa da fare è contattare il Centro di Recupero Animali Selvatici (CRAS) più vicino, descrivendo al meglio ciò che stiamo osservando e seguendo le indicazioni e i consigli che riceviamo.

Non cediamo alla tentazione di disturbarli e non portiamoli in casa, alzeremmo all’improvviso la loro temperatura mettendoli ancora più in pericolo.
E per lo stesso motivo non alimentiamoli forzatamente.

Articoli correlati

Manifesto per una nuova medicina veterinaria

Manifesto per una nuova medicina veterinaria

Per la mia tesi di diploma del master in Filosofia dell'Etologia ed Etica Ambientale avevo scelto un altro argomento.Ma pochi mesi prima ho deciso di cambiare, per dedicarmi ad una questione urgente che non intendo più rimandare: un manifesto per...

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più