10 Gen 2024

Adottare un furetto. Un gesto di consapevolezza.

Il furetto è un piccolo mammifero, un mustelide carnivoro, che discende dalla puzzola europea.
Si pensa che i primi ad iniziare la domesticazione di questa specie siano stati gli egiziani, poi greci e romani, per le eccellenti capacità predatorie.
Cosa dobbiamo sapere per adottare un furetto in modo consapevole?

Il furetto è un animale di piccole dimensioni, con il corpo allungato e gli arti corti, non certo un abile saltatore ma in grado di infilarsi ovunque!
Il gioco è il modo che preferisce per creare e mantenere relazioni e ha bisogno della giusta alimentazione per mantenersi in salute, più a lungo possibile.

Il furetto, un mustelide domestico

La domesticazione del furetto è iniziata con gli egiziani, per proseguire poi con greci e romani.
Si pensa che sia stato impiegato a lungo per l’abilità di cacciare i topi, finché non è stato sostituito dal gatto.

Il furetto infatti è un cacciatore abilissimo, in grado di infilarsi nelle tane degli altri animali grazie al corpo allungato e flessibile, che gli permette di arrivare davvero ovunque.

Ha un olfatto eccellente, la vista invece è meno sviluppata.
Si tratta di una specie dalle abitudini crepuscolari-notturne, che caccia di notte e dorme per la maggior parte del giorno.

Molti pensano che il furetto sia un animale “esotico”, ma non è così: discende dalla puzzola europea, addomesticata millenni fa. Ne conserva alcune caratteristiche ma altre cose sono cambiate.

Il furetto e il gioco

Una delle cose decisamente diverse riguarda la socialità: la puzzola europea è un animale schivo e solitario, il furetto invece è sociale e in genere molto socievole.

Una delle cose che usa maggiormente è il gioco: i furetti giocano per tutta la loro vita, costruendo e approfondendo relazioni con la nostra e con altre specie proprio grazie al gioco.

Il nome scientifico di questi animali è Mustela putorius furo, faina puzzolente e ladra.
Adorano infatti “rubare” oggetti e nasconderli nei posti più impensati.

Se stiamo pensando di adottare un furetto dobbiamo fare in modo che la casa sia su misura anche per loro: è importante metterla in sicurezza, considerando che cercheranno di infilarsi ovunque e che la loro curiosità li porterà ad esplorare qualunque oggetto.

L’alimentazione del furetto

Un mustelide carnivoro come il furetto ha bisogno di un’alimentazione che ne rispetti anatomia e fisiologia.
I canini appuntiti, i premolari e molari adatti allo schiacciamento, l’intestino corto, il transito gastro-enterico veloce, tutto ci dice che questi animali sono carnivori.

Proteine di elevato valore biologico e grassi di origine animale sono le fonti energetiche principali.
I carboidrati possono essere presenti ma non in grandi quantità e la fibra deve essere ridotta al minimo.

Purtroppo la maggior parte dei prodotti in commercio, ricchi di carboidrati, con proteine e grassi vegetali in quantità più o meno ingenti e altre sostanze difficili da digerire, non sono adatti.
E nel medio e lungo periodo possono essere causa o concausa di numerose patologie.

Per questo si consiglia sempre più spesso un’alimentazione fresca anche per il furetto, casalinga senza carboidrati o BARF (ne parlo qui) tutte le volte che si può.
Si tratta infatti dell’alimentazione più simile a quella per cui questi animali si sono evoluti, in grado di prevenire (e a volte anche di curare) molte patologie frequenti in questa specie, come l’insulinoma (di cui ho parlato qui).

Furetto e adozione consapevole

Se davvero stiamo pensando di far entrare un furetto nella nostra famiglia facciamoci le domande giuste: abbiamo tempo, spazio e attenzione da dedicare? Abbiamo le risorse necessarie ad impegnarci dal punto di vista della nutrizione e delle cure? E soprattutto, nella nostra famiglia ci sono piccoli mammiferi erbivori o onnivori, conigli, cavie peruviane, topi, ratti, ricci, criceti?
Se la risposta a quest’ultima domanda è sì, non è il momento di accogliere un furetto: si tratta di un predatore che provocherebbe loro una condizione di stress cronico. Anche se non si vedono si sentono!

Articoli correlati

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

PDD nei pappagalli: comprensione, diagnosi e gestione integrata

La PDD o Proventricolite dilatativa negli Psittacidi è una patologia complessa e multifattoriale. Scopriamo insieme di cosa si tratta, come può essere diagnosticata, quali sono i sintomi e soprattutto come può essere trattata con un approccio di...

Adottare un pappagallo. Un gesto di consapevolezza.

Adottare un pappagallo. Un gesto di consapevolezza.

Basta dire pappagallo per evocare immagini di luoghi tropicali. Di colori e voci che si rincorrono sulle sommità delle foreste. Il frusciare d'ali di famiglie variopinte.Proprio per questo spesso non resistiamo all'idea di adottare un pappagallo....

Cinzia Ciarmatori

Cinzia Ciarmatori

Sono Cinzia Ciarmatori e ho scelto di diventare medico veterinario e di occuparmi non solo della salute di individui di altre specie, ma anche delle loro famiglie e dell’ambiente in cui tutti viviamo. Leggi di più